La Chance su Marte con il loro ultimo album “Come ci viene” pubblicato per Alka Records dimostrano come sia possibile fondare, mischiare, miscelare suoni, generi diversi ed influenze senza però peccare di personalità. Se è vero che tutta la musica è stata scritta è anche vero che si può sempre trovare una novità dentro queste giovani band emergenti che hanno sempre meno spazio per esprimersi. Il mix di folk indie è di certo vincente, fresco, giovane ma non poco maturo ed è da brani come “Oceano” che si può intravedere la qualità e gli intenti di una band che di certo vuole arrivare molto lontano. Arrangiamenti pensati e studiati alla perfezione e canzoni “pop” ma non troppo riescono ad arrivare agli ascoltatori come acqua fresca in una torbida estate, ed è proprio lì che si può collocare il bisogno della musica de “La Chance su Marte”. Le influenze ed il carattere sono presenti, adesso è il tempo di spingere e trovare ancora una personalissima chiave di espressione che potrebbe trovarsi in una logica di sperimentazione ancora più profonda di quella che si intravede (quel pizzico di Foals che si può sentire su La Chance su Marte ad esempio). In sostanza “Come ci viene” è un album per molti ma non tutti, un disco che suona bene e che dovrà suonare benissimo dal vivo. La Chance su Marte fa muovere il culo ed a noi piace che sia così e speriamo di trovare questi ragazzi nelle line up dei festival italiani perchè, semplicemente, lo meritano.

P.s. “Rimani fragile” è un grande, grandissimo pezzo.

https://www.facebook.com/lachancesumarte/
Guarda il videoclip qui!