Cherries on a swing set sono un quintetto vocale a cappella. Il loro percorso nasce ad Orvieto nel 2009, ma velocemente il gruppo si fa apprezzare in molte città italiane e anche all’estero, esibendosi spesso in importanti live club (Stazione Birra,Alexander Platz e Teatro Centrale Carlsberg – Roma), ed in festival di rilievo. Hanno avuto vari riconoscimenti, tra cui il secondo premio al Winter Vocal International Competition di Pinerolo (TO), nel 2014.

Il repertorio del gruppo, principalmente pop/rock, spazia dai classici degli anni ’50, fino alle hit dei giorni nostri, proponendo, di tanto in tanto, generi alternativi come lo swing, il folk o la rilettura di pagine famose della musica classica.

Across the sky è un disco dalle diverse sfaccettature che possono essere raggruppate tra di loro in un genere musicale godibile e disponibile al grande pubblico senza particolari difficoltà. La loro bravura infatti, risiede nella composizione minuziosa e sempre precisa e nella cura degli arrangiamenti che rendono il disco un vero e proprio gioiellino pop.

Nel 2015 hanno vinto il Premio Voceania. Hanno collaborato spesso con Ambrogio Sparagna con cui sono stati protagonisti di molti spettacoli (ricordiamo l’ Ottobrata Romana 2013 all’Auditorium Parco della Musica di Roma) e con altri artisti importanti. Da lunedì 11 dicembre, è disponibile su tutte le maggiori piattaforme on lineAcross the sky, il primo disco dei Cherries on a swing set, quintetto vocale a cappella di Orvieto.

Across the sky è perfetto per chi voglia serenamente ascoltare buona musica durante un lungo viaggio o per chi vuole rilassarsi dopo una dura giornata. Le sonorità ricordano per la maggior parte i grandi e storici gruppi pop ed il loro tributo ai classici singoli mondiali è un vero e proprio elogio alle corde vocali del quintetto che si ritrova così ad essere una delle realtà più importanti a livello nazionale.

In sostanza, il progetto brilla di luce propria ed il livello qualitativo che si ritrova all’interno è molto alto. Un disco da non perdere e da ascoltare fino in fondo per poi premere ancora play lasciandosi trasportare dalle armoniose melodie e dalla bellezza dell’arte musicale che i Cherries on a swing di certo posseggono.

L./nelmuschio